Il nuovo numero della nostra Rassegna trimestrale: luglio 2021

Il 2021 è stato un anno cruciale: istituzioni quali la Commissione europea, l’OCSE e le autorità domestiche hanno (ri)elaborato aspetti metodologici legati alla regolazione, anche alla luce delle esperienze accumulate in questa lunga e sfidante crisi pandemica da COVID-19. Ci sono, inoltre, nuove sfide legate al Green Deal, per le quali siamo già in cospicuo ritardo, che fanno emergere con veemenza la necessità di modificare alcuni paradigmi regolatori.

In questo numero, affrontiamo i temi chiave per il futuro: la regolazione nei periodi di crisi; le nuove sfide del Regulatory Scrutiny Board; il legame tra Green Deal e better regulation; la nuova metodologia di AIR e VIR dell’Autorità di regolazione dei trasporti. Articoli recensiti: lo special issue del «Journal of European Public Policy», dedicato a legittimità, agenzie di regolazione e partecipazione.

Introduzione al numero XII-3

Qualità della regolazione nella pandemia e oltre, di Federica Cacciatore e Nicoletta Rangone. Testo in open access (Scarica il PDF)

Indice dei contributi del numero XII-3

  • L’urgente necessità di un cambiamento di paradigma nella regolazione della qualità dell’aria negli ambienti chiusi, di Florentin Blanc
  • Il rapporto annuale del Regulatory Scrutiny Board. Le nuove sfide tra COVID-19, sostenibilità e previsione strategica, di Claudio M. Radaelli e Gaia Taffoni
  • “Legiferare meglio” per il Green Deal? La parabola incompiuta della Comunicazione della Commissione europea, di Lorenzo Allio
  • La nuova disciplina dell’AIR e della VIR dell’Autorità di regolazione dei trasporti: verso un approccio circolare alla regolazione, di Andrea Flori
  • [Recensione] Alla ricerca della legittimità: le agenzie indipendenti puntano sull’amministrazione trasparente, di Fabio Rotondo

Tutti i contributi del numero di luglio 2021 sono disponibili (per gli abbonati) in questa pagina.