Approvata l’Agenda per la semplificazione 2020-2023

Lo scorso 23 novembre la Conferenza unificata ha approvato l’Agenda per la semplificazione 2020-2023, in sintonia con quanto disposto dal d.l. 76/2020 (Decreto Semplificazioni).

L’Agenda prevede un’ampia gamma di interventi semplificatori per l’eliminazione degli oneri burocratici e il taglio dei costi per le imprese e i cittadini, nei seguenti ambiti:

  1. La semplificazione e la reingegnerizzazione delle procedure
  2. La velocizzazione delle procedure
  3. La semplificazione e la digitalizzazione
  4. La realizzazione di azioni mirate per il superamento degli ostacoli burocratici nei settori chiave del Piano di rilancio.

Per ogni azione, condivisa tra Governo, Regioni ed enti locali, è definito uno specifico cronoprogramma con obiettivi intermedi e finali.

Tra gli interventi più rilevanti, si segnalano: la predisposizione di un “catalogo delle procedure” diretto a uniformare e semplificare i regimi amministrativi; la definizione di moduli e form digitali standardizzati e semplificati per l’accesso telematico alle procedure; la realizzazione di azioni di supporto alle amministrazioni per la gestione delle procedure che prevedono l’intervento di una pluralità di soggetti (cosiddette “procedure complesse”), per accelerare gli interventi relativi alle infrastrutture, alle opere pubbliche, alla transizione digitale ecc.; la pubblicazione dei tempi effettivi di conclusione delle procedure; l’effettiva attuazione del principio “once only” attraverso azioni per l’interoperabilità delle banche dati; realizzazione di interventi mirati per il rilancio delle attività economiche nell’ambito della tutela ambientale e green economy, edilizia e rigenerazione urbana, banda ultra larga e appalti.

Testo dell’Agenda 2020-2023. Semplificazioni per la ripresa e cronoprogramma delle attività (pdf)