Trasparenza nelle Autorità indipendenti, le esperienze di CONSOB, AEEGSI e AGCOM

Panel_AIR

Per le autorità indipendenti, la conoscibilità di informazioni e documenti costituisce un elemento essenziale per assicurare la trasparenza sia delle modalità con cui esse assumono decisioni, sia della loro organizzazione e attività.

Nel primo senso, la trasparenza implica la pubblicità delle informazioni e dei dati raccolti dall’autorità per assumere le proprie decisioni, assieme alle modalità con cui tali dati sono stati rilevati e all’utilizzo che ne è stato fatto rispetto alla decisione in concreto presa. In questo modo la trasparenza costituisce un indicatore della qualità del processo decisionale.
Nel secondo senso, la trasparenza impone l’obbligo di rendere pubblici e accessibili specifici dati o documenti concernenti l’organizzazione e l’attività dell’amministrazione; l’obiettivo è quello di consentire forme diffuse di controllo sull’adeguato perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’efficiente utilizzo delle risorse pubbliche.

Le autorità indipendenti sono tenute a rispettare tale obbligo di trasparenza a partire dal 2014 quando il d.l. n. 90 ha esteso loro le “disposizioni relative alla pubblicità, alla trasparenza e alla diffusione delle informazioni” contenute del d.lgs. 33/2013.

Al fine di evidenziare il contributo della trasparenza alle politiche di qualità della regolazione, l’Osservatorio AIR ha raccolto le esperienze di CONSOB e AEEGSI nell’incontro del 23 settembre 2014 del panel delle autorità indipendenti, a cui si è aggiunta, nel corso della discussione, l’attività condotta in materia da AGCOM.