Scienze comportamentali, l’impegno di Obama sul nudging

Obama_SBST_feb2015

 

On September 15, President Obama issued an Executive Order regarding the use of behavioral sciences insights within the design of federal policies and programs.

All executive departments and agencies are encouraged to exploit behavioral insights in order to better support a wide range of national priorities and public policies goals such as a better education for American people and a faster transition to a low-carbon economy.
Obama has also formally established the federal “Social and Behavioral Sciences Team,” ordering them to support federal agencies in collecting and using psychology and experimental behavior data to comply with the directives of the Executive Order.

 

Con l’Executive Order dello scorso 15 settembre, dal titolo “Using Behavioral Science Insights to Better Serve the American People”, il presidente degli Stati Uniti d’America Barack Obama imprime una accelerazione all’utilizzo delle scienze comportamentali nella progettazione e attuazione delle politiche pubbliche statunitensi.

Muovendo dai risultati raggiunti dalle politiche federali progettate in base ai principi delle scienze comportamentali (come nel caso dell’iscrizione automatica ai fondi pensione, che ha consentito a milioni di persone di migliorare il proprio trattamento pensionistico), Obama incoraggia i dipartimenti e le agenzie governative a disegnare gli interventi pubblici sulla base delle indicazioni fornite dall’applicazione delle scienze comportamentali, per conseguire, in modo più efficace, gli obiettivi delle politiche pubbliche, spingendo i cittadini, ad esempio, a cercare migliori opportunità lavorative e formative, ad adottare stili di vita più sani e a scegliere comportamenti più rispettosi dell’ambiente e orientati  verso la green economy.

Il presidente degli Stati Uniti non si limita, nell’Executive Order, a raccomandare l’approccio comportamentale nel progetto degli interventi pubblici, ma indica anche come utilizzare i dati derivanti dagli studi comportamentali: dalla semplificazione delle modalità di partecipazione a bandi, concorsi e avvisi pubblici, alla produzione di obblighi di chiarezza, completezza e trasparenza delle informazioni rese all’utenza, dalla scelta di opportuni incentivi per orientare le preferenze dei cittadini all’identificazione e riduzione dei costi della regolazione che gravano sul sistema produttivo.

Obama chiede inoltre al Social and Behavioral Sciences Team (SBST), presieduto dall’Assistente del Presidente per la scienza e la tecnologia, di fornire tutto il supporto necessario alle agenzie governative per sfruttare le scienze comportamentali nel conseguimento degli obiettivi di politica pubblica, nonché di stendere un rapporto annuale sullo stato di attuazione delle prescrizioni contenute nell’Executive Order stesso.

(Luca Ferrara)

 

Photo credits: The White House, February 2015