Politiche e prassi di remunerazione nelle banche e nei gruppi bancari: analisi d’impatto sulle modifiche proposte dalla Banca d’Italia

15881610037_80b1c9eec3_z

Si è conclusa lo scorso 12 gennaio la consultazione sulle modifiche al provvedimento della Banca d’Italia del 30 marzo 2011 in materia di politiche e prassi di remunerazione e incentivazione nelle banche e nei gruppi bancari. Le modifiche sono in gran parte volte a recepire la nuova disciplina europea sull’accesso all’attività degli enti creditizi e sulla vigilanza prudenziale sugli enti creditizi e sulle imprese di investimento contenuta nella direttiva 2013/36/UE (cd. CRD 4).

Il recepimento della CRD 4 è stato tuttavia anche l’occasione per coordinare le disposizioni sui sistemi di remunerazione e incentivazione con provvedimenti recenti o in corso di revisione da parte della Banca d’Italia e con il prossimo avvio Meccanismo unico di supervisione bancaria (Single Supervisory Mechanism, SSM) europeo.

Il documento di consultazione è stato accompagnato da una relazione sull’analisi d’impatto, nella quale l’Istituto si è concentrato sulle modifiche regolamentari che non costituiscono mero recepimento delle disposizioni contenute nella direttiva europea e che inoltre comportano un impatto di un certo rilievo. L’analisi d’impatto ha affrontato, in particolare, i seguenti temi: la proporzionalità (banche interessate e personale interessato), le componenti fissa e variabile della remunerazione, la remunerazione del Presidente e dei soggetti che svolgono funzioni aziendali di controllo, i “golden parachutes” e le reti commerciali. Per ciascuno, la relazione riporta una descrizione del contesto di riferimento, delle opzioni regolamentari vagliate dall’Istituto e dell’analisi dei relativi costi e benefici.

Alla consultazione hanno risposto 15 soggetti, costituiti principalmente da associazioni di categoria e sindacali. Come di consueto, i contributi sono stati pubblicati in forma integrale sul sito web della Banca d’Italia, nella sezione dedicata.

(Siriana Salvi)

Credits photo: Dennis Skley