Qualità della regolazione europea: le conclusioni del Consiglio e il programma italiano per il semestre UE

logo_semestreIT-1024x694

Nell’ambito delle conclusioni del Consiglio Europeo del 27 giugno scorso, una specifica attenzione è stata dedicata al tema della qualità della regolazione.

In particolare, si è preso atto dei progressi compiuti nell’ambito della regulatory fitness: l’attuazione del programma REFIT da parte della Commissione, delle altre istituzioni dell’UE e degli Stati membri ha significato un’effettiva riduzione del carico normativo.

In considerazione di ciò, il Consiglio europeo ritiene che l’adeguatezza della regolazione debba continuare ad essere una priorità nell’agenda dei policy-makers europei e nazionali che dovranno effettuare politiche di semplificazione e di riduzione dell’onere normativo, migliorando l’utilizzo degli strumenti di analisi ex ante ed ex post nell’intero ciclo legislativo. È, inoltre, necessaria una maggiore integrazione tra le misure per l’adeguatezza della regolazione europee e quelle nazionali. A tal proposito, il Consiglio europeo sollecita gli Stati Membri a sfruttare pienamente le disposizioni relative alla flessibilità normativa a favore delle piccole e medie imprese ed invita la Commissione, le altre istituzioni europee e gli stessi Stati Membri a tener conto, nell’attuazione del programma REFIT, della protezione dei consumatori e dei lavoratori nonché degli aspetti sanitari ed ambientali.

Anche il Programma della Presidenza Italiana del Consiglio dell’Unione Europea (semestre 1 luglio – 31 dicembre 2014) propone di rafforzare l’utilizzo degli strumenti di regulatory fitness, ponendo particolare attenzione alle PMI e alle microimprese. Nello specifico, la Presidenza italiana intende avviare un programma europeo per la riduzione degli oneri regolatori, ridurre i costi inutili ed eccessivi per le imprese attraverso politiche di semplificazione delle istituzioni europee, avviare consultazioni con le parti interessate ed utilizzare l’analisi d’impatto in seno al Consiglio.

(Mariagrazia Massaro)