Mario Filice

Mario Filice (1989) è dottore di ricerca in Diritto dei mercati europei e globali presso l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo. Lavora attualmente presso la Scuola Nazionale dell’Amministrazione (SNA) in qualità di docente integrativo in materia di Politiche di Trasparenza nella Pubblica Amministrazione.

Si è laureato, con lode, in giurisprudenza presso l’Università di Roma Tre (2013), discutendo una tesi sulla responsabilità ambientale, in particolare sull’assetto delle competenze amministrative in materia di difesa del suolo e tutela delle acque.

È cultore della materia (2014) in Diritto amministrativo e in Diritto amministrativo europeo nelle cattedre del Prof. Mario Savino e del Prof. Giulio Vesperini presso l’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo.

Ha tenuto diverse lezioni presso l’Università degli Studi della Tuscia, la SNA e all’interno del Master Interuniversitario del Master Interuniversitario di Secondo Livello in Diritto Amministrativo (MIDA), in particolare sulle seguenti tematiche: principio di legalità e tipicità del provvedimento amministrativo, disciplina del procedimento amministrativo e tutela giurisdizionale, principi di buon andamento e imparzialità, trasparenza amministrativa e accesso agli atti, federalismo fiscale, nozione di servizio pubblico, regolazione indipendente, agenzie europee, ecc.

Ha svolto numerose attività di ricerca, individuali e di gruppo, in particolare nei seguenti ambiti: “L’Unione, la crisi e le trasformazioni del sistema amministrativo europeo”; “Le caratteristiche di indipendenza e di accountability delle Esa”; “L’accountability delle amministrazioni europee”; “La trasparenza amministrativa nella prospettiva comparata: il caso del Regno Unito”; ecc.

È stato (2016) Visiting Research Scholar presso la City Law School della City University of London. Nello stesso periodo, ha svolto attività di ricerca sui temi Regulatory Authorities and Judicial revie” e Transparency and Open Government in UK, presso l’Institute of Advanced Legal Studies (IALS) di Londra.

È socio (2016) dell’Istituto di ricerche sulla pubblica amministrazione (IRPA) e dell’Osservatorio AIR (2017) in cui collabora nella Sezione Giurisprudenza.

Fra le sue pubblicazioni: Le nuove frontiere in tema di abuso di posizione dominante, in Giornale di diritto amministrativo, n. 1/2015, 87-97; Il sindacato giurisdizionale sull’attività delle Autorità indipendenti, in Giornale di diritto amministrativo, n. 4/2015, 559-570; L’esecuzione delle sentenze della Corte di Strasburgo: improponibile l’azione di ottemperanza, in Giornale di diritto amministrativo, n. 1/2016, 25-32; Atti delle Autorità indipendenti impugnabili anche dai clienti finali: quali effetti sull’Air?, in www.osservatorioair.it, Luglio 2016; Verso un sindacato consapevole sulle valutazioni tecnico-discrezionali, in Giornale di diritto amministrativo, n. 5/2016, 685-693; (con G. Dimitrio) I poteri di competition advocacy dell’Agcm ex art. 21 bis, L. n. 287/1990, in Giornale di diritto amministrativo, n. 2/2017, 262-272; Il problematico confine fra i poteri dell’Agcm e il sindacato del giudice, in Giornale di diritto amministrativo, n. 3/2017, 389-398; Il nuovo regolamento sulla better regulation: il parere del Consiglio di Stato, in Rassegna Trimestrale dell’Osservatorio AIR, ottobre 2017, VIII/4, 7-13.

È abilitato all’esercizio della Professione Forense (2017).

Tra i suoi maggiori interessi di ricerca: autorità indipendenti e sindacato giurisdizionale, discrezionalità tecnica, agenzie europee, disciplina del procedimento amministrativo, trasparenza e accesso agli atti.