Liguria, le nuove semplificazioni in agricoltura

La Giunta regionale ligure ha approvato lo scorso dicembre la deliberazione n. 1596/2013 in materia di semplificazione amministrativa in agricoltura.

Dando applicazione all’articolo 38 della legge regionale 13/6/2011, n. 14, sono stati individuati otto procedimenti amministrativi per i quali gli agricoltori possono presentare istanze alla Pubblica Amministrazione per il tramite dei Centri autorizzati di assistenza agricola (CAA), disciplinati dal DM 27 marzo 2008.

Tale modalità non pregiudica però la facoltà di presentare le domande direttamente all’Amministrazione.

I procedimenti amministrativi selezionati riguardano l’accesso alle agevolazioni per l’acquisto dei carburanti agricoli, l’iscrizione dei vigneti negli albi delle DOP/IGP, le autorizzazioni a spargere sul terreno le acque di vegetazione dei frantoi e delle sanse umide, le autorizzazioni all’abbattimento degli alberi di olivo e la realizzazione delle piste di esbosco.

La presente deliberazione, da una parte, garantisce una formazione minima degli operatori dei CAA abilitati ad operare in ciascun procedimento, dall’altra, delinea un sistema di gestione e di controllo volto a visionare la completezza documentale, il rispetto dei tempi, l’equità e l’oggettività delle procedure. Prevede, inoltre, un sistema sanzionatorio nel caso in cui si riscontrino errori imputabili ai singoli operatori o ai responsabili di sede locale dei CAA, ferme restando le eventuali responsabilità civili e penali.

In tal modo, la Giunta regionale mira ad ottenere snellezza nei procedimenti in materia di agricoltura e, in via indiretta, a reinvestire il proprio capitale umano in altri procedimenti amministrativi.

Accedi alle deliberazioni

(Mariagrazia Massaro)