Le Raccomandazioni OCSE per il rilancio della better regulation

E’ opinione diffusa tra gli addetti ai lavori che i risultati delle politiche di High Quality Regulation (HQR) imperniate sull’introduzione dell’AIR abbiano sortito effetti modesti in larga parte dei paesi dell’area OECD. Nonostante gli sforzi profusi dagli organismi internazionali per porre la HQR al centro dell’agenda delle riforme amministrative, a livello domestico gli attori politici sono apparsi assai poco interessati a lasciar vincolare la propria discrezionalità dall’AIR. Una svolta verso il consolidamento degli strumenti di HQR potrebbe essere impressa dall’attuale crisi del capitalismo finanziario globale. I fallimenti della regolazione messi a nudo dalla eccezionale turbolenza dei mercati finanziari, infatti, possono rappresentare una finestra di opportunità per il lancio di un nuovo ciclo di riforme di better regulation attente a prevenire le perversità esibite dal capitalismo nell’era della deregulation. E’ questa anche l’opinione del Regulatory Policy Committee dell’OECD che ha messo l’evidence-based policy making, tipico della good regulation, al centro della propria agenda post-crisi illustrata in un documento frutto dell’attività di monitoraggio e di studio delle buone pratiche compiuto nell’ultimo decennio.

Continua a leggere la recensione di Fabrizio Di Mascio