La confutazione delle osservazioni dei soggetti interessati. Sentenza TAR Lombardia n. 2870/2012

Un operatore di mercato ha impugnato dinanzi al TAR Lombardia i provvedimenti dell’AEEGSI (già, AEEG) con cui sono state approvate le tariffe dei servizi di trasporto e dispacciamento del gas naturale per gli anni 2011 e 2012.

Il giudice amministrativo, dopo una disamina delle disposizioni del “Testo Unico della regolazione della qualità e delle tariffe e dei servizi di trasporto del gas naturale” (c.d. TUTG), di cui si contestava l’applicazione, ha vagliato le censure dedotte dalla parte ricorrente, respingendo il ricorso principale ed i motivi aggiunti.

Limitatamente alla doglianza riguardante la mancata garanzia del contraddittorio, il giudice di primo grado a ha ritenuto che, nel caso di specie, la partecipazione procedimentale era stata pienamente realizzata e che l’istruttoria era stata effettuata esaminando tutti i dati e gli elementi tecnici forniti dalla ricorrente. Il giudice ha affermato che il semplice mancato accoglimento delle prospettazioni avanzate dagli interlocutori, oltre a non richiedere una specifica confutazione per ciascuna di esse, non costituisce di per sé profilo di illegittimità, se si considera che la partecipazione degli operatori non è funzionale al raggiungimento di una regolazione concordata.

Il semplice mancato accoglimento delle prospettazioni avanzate dai soggetti interessati, oltre a non richiedere una specifica confutazione per ciascuna di esse, non costituisce di per sé profilo di illegittimità, se si considera che la partecipazione degli operatori non è funzionale al raggiungimento di una regolazione concordata.

During the regulatory process the missed acceptance of the observations of the stakeholders does not constitute by itself a claim of unlawfulness, as well as not requiring a specific confutation for every of them. Moreover, the stakeholders participation is not functional to the achievement of a shared regulation.

Sentenze citate: Cons. Stato sez. VI n. 2007/2006.

Sintesi e massime a cura di Mariagrazia Massar