Il piano di Obama: le Agenzie federali Usa alla prova della verifica ex post

di Federica Cacciatore

.

white-house-seal-plaque_m

Il governo federale americano ha pubblicato i regulatory review plans delle ventisei Agenzie federali che hanno finalmente dato seguito all’Executive Order sulla retrospective analysis of existing rules del gennaio 2011. A questi vanno ad aggiungersi i piani di ben sedici Autorità indipendenti (che non sono ancora stati pubblicati) che, per la prima volta nella loro storia, sono state chiamate ad effettuare una verifica ex post della qualità della loro regolazione.

I piani ufficiali, reperibili sul sito della Casa Bianca, rientrano nella campagna governativa di riduzione dei costi e degli oneri ingiustificati nelle agenzie federali (21st Century Government: Campaign to Cut Waste),  con cui l’amministrazione Obama mira a promuovere, fra l’altro, “la crescita economica, l’innovazione, la competitività e la creazione di lavoro”.

Come ha affermato Cass Sunstein, il capo dell’Office of Information And Regulatory Affairs (OIRA), nel blog della Casa Bianca, per ottenere crescita economica e creazione di nuovo lavoro occorre puntare su una regolazione “cost-justified” ed “evidence-based”. E la risposta delle Agenzie e delle Autorità indipendenti, sottolinea ancora Sunstein, è stata solerte e ha offerto molti spunti innovativi per la revisione della normativa più obsoleta e per la riduzione di costi e oneri di varia natura (molte fra le novità di maggiore rilievo sono riportate nel blog), stimando che entro i prossimi cinque anni l’attuazione di questi piani di riduzione possa portare ad un risparmio di oltre 10 miliardi di dollari.

Non meno importante, come evidenzia ancora Sunstein, è l’introiezione, da parte delle agenzie federali, dell’abitudine a “guardare indietro” alla regolazione adottata, come esercizio necessario a garantirne la qualità e l’efficacia nel tempo, anche attraverso il coinvolgimento e la consultazione dei destinatari.

Maggiori informazioni e commenti si possono trovare anche sul blog della Yale University dedicato al diritto amministrativo comparato.