Commissione Affari Costituzionali, le AI nella nuova indagine conoscitiva

di Andrea Flori

.

Il 16 febbraio scorso si è svolta, presso la Commissione Affari Costituzionali della Presidenza del Consiglio e Interni della Camera, la discussione del documento conclusivo relativo all’indagine conoscitiva sulle Autorità amministrative indipendenti.

Avviata nel 2010, l’indagine si è articolata in ventuno sedute, nel corso delle quali sono intervenuti, tra gli altri, i Presidenti delle Autorità, esperti della materia – anche del mondo accademico – nonché rappresentanti di sindacati e associazioni. Nelle considerazioni conclusive dell’indagine, trova spazio la questione, ampiamente dibattuta, del potere delle Autorità di emanare norme generali e astratte: a questo proposito, si propone il rafforzamento delle garanzie procedurali, quali il notice and comment, la motivazione rafforzata degli atti, la revisione periodica delle delibere, AIR e VIR, “come parziale correttivo alla sostanziale indipendenza dei regolamenti delle autorità indipendenti adottati in carenza di norme primarie di indirizzo”. Il documento è strutturato come segue: il quadro normativo vigente (in particolare, la questione dei poteri delle AI; la disciplina delle modalità di nomina e il mandato dei vertici; l’autonomia finanziaria, contabile e organizzativa); la posizione delle Autorità rispetto all’organizzazione dei poteri dello Stato e ai diversi livelli di governo (i rapporti con il Parlamento e il governo, con le regioni e gli enti locali, con le altre Autorità indipendenti, con l’Unione Europea); il controllo giurisdizionale sugli atti delle Autorità.

Il testo del documento conclusivo è consultabile integralmente a questo link.