Come realizzare le AIR, le VIR e le consultazioni? Pubblicata la Guida del DAGL

Nella Gazzetta Ufficiale n. 83 del 10 aprile 2018 è stata pubblicata, con la Direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 16 febbraio 2018, la guida all’analisi e alla verifica dell’impatto della regolamentazione che, come previsto dal nuovo regolamento di disciplina dell’AIR, della VIR e della consultazione, fornisce alle amministrazioni statali indicazioni tecniche e operative per lo svolgimento dell’AIR, della VIR e delle relative attività di consultazione.

Redatta dal Dipartimento degli Affari giuridici e legislativi con il supporto del Nucleo AIR, il Gruppo di lavoro AIR del Nucleo di valutazione e verifica degli investimenti pubblici, la guida amplia notevolmente e sostituisce la prima guida alla sperimentazione dell’analisi d’impatto della regolamentazione approvata con la Circolare n. 1 del 16 gennaio 2001 e costituisce il primo riferimento completo e ufficiale per l’applicazione degli strumenti per la qualità della regolazione.

Partendo dal concetto di ciclo della regolazione (definizione delle priorità d’azione derivanti dall’agenda politica, formulazione dell’intervento regolatorio, adozione, attuazione, manutenzione ed eventuale revisione delle regole ritenute inefficaci o che abbiano prodotto effetti indesiderati), il documento illustra dettagliatamente:

  • quali siano le funzioni del DAGL e delle amministrazioni competenti nelle procedure di AIR e VIR e quali rapporti si instaurano tra di essi;
  • come sia possibile coordinare le competenze necessarie per lo svolgimento delle analisi e delle valutazioni;
  • quali siano le fasi in cui si articolano l’AIR e la VIR;
  • quali siano le modalità operative con cui svolgere le singole AIR, con particolare attenzione alle tecniche per la valutazione e comparazione delle opzioni e la loro rappresentazione;
  • come le amministrazioni possano procedere all’autovalutazione delle AIR e delle VIR svolte;
  • come si articoli il processo di analisi e valutazioni di impatto della Commissione europea e come sia possibile parteciparvi;
  • come si possano concretamente sviluppare le diverse tecniche per condurre le consultazioni dei soggetti interessati a sostegno delle AIR e delle VIR e nella definizione di opzioni di policy (come, per esempio, le proposte di riforma) e come ricorrervi;
  • quali siano le attività da svolgere e i criteri da rispettare per condurre consultazioni trasparenti ed efficaci e come si possano valutare le iniziative svolte;
  • quale possa essere l’apporto delle scienze comportamentali all’analisi e alla valutazione della regolazione.

Esempio di rappresentazione dell’analisi qualitativa delle opzioni di regolazione. Fonte: Guida all’analisi e alla verifica dell’impatto della regolamentazione

Le amministrazioni soggette all’obbligo possono dunque trovare nelle linee guida la descrizione delle diverse tecniche utilizzabili, esempi e check list per svolgere concretamente le analisi, le valutazioni e i processi partecipativi.

Congiuntamente alle linee guida, la direttiva ha emanato anche la versione aggiornata del modello per la redazione della relazione AIR e il modello per la redazione della relazione che documenta la verifica dell’impatto della regolamentazione.La direttiva, infine, abroga la cosiddetta direttiva goldplating del Presidente del Consiglio dei ministri del 16 gennaio 2013, che disciplinava il rispetto dei livelli minimi di regolazione previsti dalle direttive europee e recava il vecchio modello di relazione AIR.

(Carolina Raiola)

About Carolina Raiola

Carolina Raiola è responsabile della comunicazione dell’Osservatorio AIR. E’ esperto della Delivery Unit nazionale del Dipartimento della funzione pubblica della Presidenza del Consiglio dei ministri, per le attività di comunicazione e consultazione pubblica nell’attuazione della riforma della PA. Per l’Osservatorio fa ricerca sulla consultazione pubblica.